Jena camuna – Comici, sbalestrati, guerrieri

Bisio, Fò, Benni, Grìllo e Villaggio
si son fatti di grappa e taleggio.
Poi riuniti in un bar di Rioveggio
le canzoni cantavan del Maggio.
 
Poi han preso a due mani il coraggio
e han giurato: “Se arrivo a quel seggio
sparo lì un movimento e scoreggio”.
Ma purtroppo han sbagliato il dosaggio.
 
E così in un tedioso meriggio
li han trovati in un sozzo carruggio:
con la fiaccola ben sotto il moggio,
 
insensibili al fitto pioviggio
maneggiando ciascuno il suo suggio*
a Bersani giuravan l’appoggio.
 
*Nel linguaggio marinaresco antico: caviglia di legno.
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...