Hedrok – Sull’Appia antica

Sull’Appia antica ce sta ‘n corombario
che poi sarebbe come ‘n camposanto
de li romani antichi, er reliquario
‘ndo mettorno l’ossa e tutto quanto.

Qui quarche signorone di quei giorni
ce messe i più fedeli de li schiavi
stipati come pizze derentro a’ forni
co’ sopra scritto “sono stati bravi”.

Era comunque un senso de rispetto
come pe’ dì: “da vivo eri ‘na merda,
mo’ che sei morto te dimostro affetto
pe’ fa che quarche cosa nun se perda!”

Passorno cento e cento e cento anni
e rimasero tutti zitti e boni
ammucchiati là drentro senza panni
come ce li mettorno li padroni;

che, puro loro, in quarche tomba antica
prima o poi se trovorno sotterrati;
pe’ dì che vivi bene o co’ fatica
ar dunque semo tutti livellati.

Quelli romani nun ereno cattivi
ma ereno, se dice, un po’ servaggi.
Poi vennero li tempi più ciovili,
er progresso co’ tutti i suoi vantaggi.

E che te penza ‘n oste progredito
pe’ fatte vede er senso de la storia?
Dice: “Chi è morto, è morto e seppellito:
chi è vivo, invece, è vivo e resta in gloria..

E se me ‘nvento che drentro a ‘sto coso
ce metto quattro tavoli e du’ sedie,
nun me diventa un posto affascinoso
indove, senza fa’ troppe commedie,

la brava ggente me ce viene a frotte?”
Che la ggente , se sa, va a piagne er morto
ma ‘nfonno, sarvognuno, se ne fotte;
epperò te dà un senso de conforto,

pe’ nun parlà della soddisfazzione,
de magnà e beve senza tante preci
pe’ fa vede che noi semo persone
e quell’antri so’ tera pe’ li ceci.

E fu così che l’oste acculturato
messe ‘n piedi ‘na bella trattoria,
‘ndove fra li cocci der passato
oggi se magna e beve in allegria.

E tutto ‘ntorno, su pe’ le pareti
restano i buchi, visti alla lontana,
de quelli che so’ stati i sepolcreti
di schiavi, che era puro ggente umana.

Sull’Appia antica ce sta ‘n ristorante
ndove, se ce passi quann’è sera,
ce trovi tanta ggente interresante
ma nun ce trovi più quello che c’era.

Fra il rumore dei piatti e le risate
forse se sente n’alito legero
‘n pizzico de voci ormai passate:
ma quello è er vento, nun te da’ penziero!

E la morale, ‘nfonno, ce la trovi
pe’ di’ quello che fummo e quel che siamo:
fra li fantasmi antichi e i vivi novi,
voi schiavi sete morti, e noi magnamo.

Roma, 29 0ttobre 1996

Una risposta a “Hedrok – Sull’Appia antica

  1. Ma che bella vena romanesca a me del tutto sconosciuta! Liricamente ironico. Se comprimi i testi e ci metti un po’ meno sentimento e un po’ più ironia e satira, ci diventi il Belli del Terzo Millennio!
    Daje!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...