Jena camuna – Diaz: ci entrai ma non c’entro


Il fedele servitore dello Stato,
poliziotto senza macchia né paura,
ribadisce con la voce più sicura
che alla Diaz lui ci ritorna, e di filato.

Lui e i suoi non hanno fatto, ce lo giura,
proprio niente che la Legge abbia violato.
Il macello…? boh, se lo saran sognato
quei ragazzi… quei violenti di natura.

O magari, che ne so, un provocatore,
uno zingaro, un magnaccia, una puttana
gente che non ha il rispetto della Legge.

Perché è chiaro: solitario fu l’autore
che die’ vita a tutta quanta la buriana.
E una pecora non raglia per un gregge.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...