Jena camuna – Armiamoci e partite! Prego, prima lei


Ci vuole una risposta militare
per vincere i bastardi integralisti.
Per loro niente case, solo bare
e valga pure per i pacifisti.
 
‘Sto giro li dobbiamo massacrare
con zingari, rumeni e sangue misti.
Gli eserciti si debbono riarmare,
comincino a sparare sui buonisti.
 
Avanti, o patrioti alla Salvini,
avanti miei Gasparri senza tema,
ardete alle parole di Belpietro!
 
Avanti gli altri, contro gli assassini;
loro dopo, secondo il vecchio schema:
si scappa meglio, restando più indietro.

4 risposte a “Jena camuna – Armiamoci e partite! Prego, prima lei

  1. La sua è un esempio della migliore satira, capace di trasformare in caustica comicità la tragicità del reale. E’ proprio vero che oggi di guerra si parla con toni trionfalistici e gloriosi, senza ricordarsi, come suggeriva Owen, che non è poi tanto “Dulce et decorum pro patri mori”. Chissà che non, ascoltandola, qualcuno non si chieda se è ancora possibile evitarla.

  2. Grazie, troppo buono… e troppo giusto quello che ascrivi.
    Ma, per favore, via quel LEI!

    • Lo eliminerò certamente le prossime volte che avrò il piacere di leggere e commentare qualche tua altra opera! (Mi scuso tra l’altro per gli errori di battitura che mi sono sfuggiti nel post precedente)

  3. bravo te! se vuoi fare le gare a chi infila più errori di nattitura in una sola parola… eccomi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...